Panter 413101700 Forge nero velcro 267 s2 dimensione totale 47

B00Q2TQJ5I

Panter 413101700 - Forge nero velcro 267 s2 dimensione totale: 47

Panter 413101700 - Forge nero velcro 267 s2 dimensione totale: 47
Panter 413101700 - Forge nero velcro 267 s2 dimensione totale: 47
Postleitzahlen
Softinos Isla washed leather, Farbegelb;Größe42
  Birkenstock Classic A 640, Zoccolo, unisex bianco weiss
  Sveltesse – Infradito tonificanti Tonic Turquoise
  Lucky Brand Harum Pelle Sandalo
  Cofra 22133000W39 S3 SRC taglia 39 Pinnacle Scarpe di sicurezza

LvYuan Da donna Sandali PU Poliuretano Primavera Estate Perle di imitazione Quadrato Oro Argento 5 7 cm Gold

Angkorly Scarpe da Moda Stivaletti Scarponcini zeppe donna pelliccia Tacco zeppa 45 CM Cammello

ITINERARI

2095 Cotw Fabric 28 VIOLET FLOWER

CULTURA E STORIA

"Proporrò il nome di Renzi sul simbolo del Pd per le Europee. Sarebbe un valore aggiunto". Lo ha detto Matteo Ricci, vicepresidente del Partito Democratico,  Phoenix Mid GTX Ws antracite/turchese Anthrazit/Türkis
. "Per ora è una idea strettamente personale - dice Ricci all'HuffPost -, ma credo che nei prossimi giorni se ne dovrà discutere".

Secondo il vicepresidente del Pd "il nostro partito sarebbe l'unico a non presentarsi alle elezioni europee con il nome del proprio leader nel simbolo, dato che M5s, Forza Italia e Ncd lo faranno. Per non parlare  LvYuan Da donnaSandaliCasualAltroPiattoPU PoliuretanoNero Black
". Ricci, candidato sindaco a Pesaro, aggiunge: "Girando per l'Italia ho visto un grande entusiasmo per Renzi, che oltre a essere il nostro segretario è anche il primo ministro. Credo dunque che utilizzare il suo nome e il prestigio di cui gode in questo momento sarebbe molto positivo. Poi sarà lui a decidere".

Devo però aggiungere che oggi quella stessa proposta non é più attuale. La crisi si é talmente incrudelita da renderla del tutto inadeguata. Lo shock deve essere ancora maggiore, come emerge - sapendo leggerli in controluce - dalle diagnosi dalle principali istituzioni interne e internazionali. L'elenco é lungo: Commissione europea, OCSE, FMI, Banca d'Italia, Centro studi di Confindustria, Corte dei conti, e ISTAT. E come traspare, con un pizzico di resipiscenza, dai recenti interventi di  Giorgio Squinzi , presidente di Confindustria, e  Giuliano Poletti , ministro del lavoro.

Oggi  la madre di tutte le riforme è quella del mercato del lavoro . Lasciamo sullo sfondo il cosiddetto jobs act - ne esamineremo i contenuti quando saranno noti - e non diamo troppo peso ai suggerimenti dei giuslavoristi. Sono uomini di legge. Preziosi quando l'economia tira e si tratta di razionalizzare le relazioni industriali esistenti.  Oggi serve , invece,  gente pratica , che conosce il mercato e sa dove mettere le mani. Ed è in grado di praticare la respirazione bocca a bocca, prima del definitivo collasso.